Tag

, ,

 

ti ho sognato

gli dicevo in sogno

Un senso di casa tra le mani

io che di casa conosco l’odore

io che la casa non l’ho mai avuta

io che la casa la costruisco in sogno

Una viscerale assenza nel ventre

un vuoto doloroso cosmico dal gusto metallico

Un vuoto che dal senso trae immagini

segni che portano parole che portano lontano.

Periferie si stratificano

e frammenti

archeologia urbana

pensieri di passaggio

danzano un odioso minuetto.

Il passato sempre ai margini del presente,

mi rannicchio dentro, tutto è dentro

graffia il fuori lo ritinge lo ritaglia

ti sogno, ti dico mentre ti sogno

è necessario dimenticare

slegarmi dall’abbraccio

lasciarti andare…

Una vicinanza emotiva

divampa in quel vuoto

un mazzo di immagini come carte da gioco

si squadernano, non riesco ad acchiapparle

Sono stanca

mi rannicchio in un quasi blu

contrappunti eleganti s’improvvisano

lentamente

un fondale blues di vuoti, pieni e note lunghe

a due voci,

un testo musicale

un discorso interno

un sax tenore

una ninna nanna

Dormo, ti dico

mentre ti sogno

padre perduto

devo lasciarti

se mi amo.

 

tiziana Campodoni

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci