Leggerti e commuovermi è stato una cosa sola, caro Luca … l’amaro di quei giorni, l’odore di quei giorni, lo sgomento, l’incredulità, le urla, le lacrime … io c’ero a Genova… e non dimenticherò mai. Neppure di aver pensato con orrore ad un certo punto … “ma vogliono il morto!”… L’hanno avuto. Ricordo ManiTese inerme sotto carica della polizia mentre i black bloc spadroneggiavano distruggendo indisturbati… e le menzogne … E poi la Diaz e quel calorifero su cui, dissero, era stata versata apposta salsa di pomodoro…e la caserma di Bolzaneto … una ferita che non si rimarginerà più.
No, non si fa così.

lpado.blog

Io a Genova non c’ero.

Nel 2001 non c’era Twitter o Facebook e il mio cellulare praticamente non prendeva. Però c’era la televisione, Primo Canale se ricordo bene, che mi ha fatto vedere tutto, anche se oggi non sono sicuro della sequenza temporale delle immagini e non sono in grado di ricordare cosa ho visto in diretta e cosa invece ho appreso in seguito, stratificando le letture e i video successivi, nella mia pessima memoria.

So solo che quella era la mia città, dove sono nato, e poi solo immagini sparse, luoghi, lampi, suoni e rumori. Suggestioni, mangiate dal tempo.

View original post 507 altre parole

Annunci