di Tommaso Brescianini AntitesiAntiche

AntitesiAntiche

Siamo solo fabbricanti di specchi. Mercenari i nostri pensieri, loschi contrabbandieri di parole e sensi. Brutti ceffi in attesa di imbarco su qualche bastimento di sogno. Scendiamo dove le braci di umanità sono più vere, dove si incontra chi le riesce a tenere nelle mani. Chi se le sporca.
Trafficanti di mani siamo. Incantatori di fatti. Sorrisi beffardi ed origami di parole.
Anche nel rosso dei labirinti, muoviamo guerra ai nostri mostri per diventare al loro posto noi stessi.
Eppure ridere è la cosa più saggia che possiamo fare. Come quando ridiamo di noi, come quando ridiamo dell’amore che impariamo a riconoscere.
Andare è facile, ma ritornare? Come ritrovare te, lasciata nel sonno del nostro letto sfatto. Meno eroi, ma più uomini.

“intanto un mistico, forse un aviatore, inventò la commozione e rimise d’accordo tutti” (Lucio Dalla, Com’è profondo il mare, 1977)

View original post

Annunci